FNOPI / ATTUALITÀ / Attività libero professionale, il Consiglio di Stato dà ragione a Ipasvi Lombardia

Attività libero professionale, il Consiglio di Stato dà ragione a Ipasvi Lombardia

Attività libero professionale, il Consiglio di Stato dà ragione a Ipasvi Lombardia

29/06/2016 - D'ora in poi l'infermiere potrà operare senza necessità di essere dipendente o collaboratore di un laboratorio.

Una vittoria per la professione: è stata depositata il 28 giugno 2016 la sentenza del Consiglio di Stato che accoglie in pieno il ricorso per il riconoscimento dell'attività libero professionale presentato dai Collegi Ipasvi della Lombardia contro la Regione, nei confronti dell'Ospedale Maggiore di Crema e la Cooperativa Sociale Igea di Crema.

Viene annullata così la decisione di mantenere la riserva in capo ai laboratori delle attività di prelievo domiciliare .

Come ha evidenziato l'avvocato Fantigrossi - che ha difeso le posizioni espresse dall'Ipasvi - "la parte più importante della decisione (paragrafo 4.4 del diritto) pone un caposaldo di riconoscimento dell’attività libero professionale dell’infermiere, che può operare in convenzione, singolo o associato, senza necessità di essere dipendente o collaboratore di un laboratorio".


IN ALLEGATO IL TESTO DELLA SENTENZA

Stampa
Condividi su:

10^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Bologna 22 giugno 2018


Sintesi e documenti dell'evento