FNOPI / ATTUALITÀ / Cives odv: Fiorda confermato presidente per il triennio 2019-2022

Cives odv: Fiorda confermato presidente per il triennio 2019-2022

Cives odv: Fiorda confermato presidente per il triennio 2019-2022

15/04/2019 - Approvati anche i bilanci consuntivo 2018 e preventivo 2019. Nel futuro nuovi mezzi per la colonna mobile, nuovi programmi formativi. Fiorda: "Sempre pronti per eventuali attivazioni in aiuto alla popolazione, in collaborazione con le istituzioni, a disposizione della protezione civile"

Maurizio Fiorda è stato confermato alla presidenza dell’associazione Cives odv per il quadriennio 2019-2022 che si è svolta il 13 aprile 2019 a Roma.

All’ordine del giorno l’approvazione dei bilanci e il rinnovo delle cariche del direttivo nazionale dei revisori dei conti e del comitato di garanzia.

L’affluenza è stata importante e l’assemblea è iniziata con la relazione del presidente uscente Maurizio Fiorda che ha illustrato le attività svolte nel periodo in cui è stato in carica insieme a tutto il direttivo uscente e al quale si è rivolto ringraziando per tutto il tempo e la competenza dedicata a Cives, soprattutto ricordando quanto è stato fondamentale il loro apporto nel periodo più difficile e fondamentale dell’associazione.

Tra le cose fatte, la riorganizzazione della colonna mobile con lo spostamento e l’accentramento dei mezzi e materiali a Chieti, il riassetto amministrativo, l’approvazione dello statuto odv come chiedeva la neo riforma del terzo settore, statuto che ancora oggi risulta essere uno dei pochi rinnovati nell’ambito delle associazioni iscritti nell’elenco del volontariato della protezione civile.

Nei tre anni di gestione poi sono stati organizzati molti corsi di formazione Ecm e le iniziative in collaborazione  con gli Opi e con il Dipartimento di Protezione civile, sono stati svolti su tutto il territorio italiano assegnando molti crediti formativi, con  molta collaborazione con le associazioni provinciali e gli Opi che hanno dato disponibilità collaborazione e sostegno al proprio gruppo provinciale. Grande sostegno anche dalla Fnopi a tutta l’associazione Cives.

Approvati all’unanimità i bilanci consuntivo 2018 e preventivo 2019 si sono svolte le votazioni per il rinnovo delle cariche da cui è emerso il nuovo direttivo nazionale che sarà in carica per i prossimi quattro anni:

Maurizio Fiorda (Roma), Francesca Marfella (Livorno), Fabio Cellini (Chieti), Marco Ricci (Campobasso), Francesco Ciani (Firenze), Filippo Guarnieri (Benevento), Lorenzo Stagnaro (Genova), per i revisori dei conti sono stati eletti, Cristina Magnocavallo (Campobasso), Emanuela Palma (Lecce), Corrado Giunta (Varese), per il comitato dei garanti sono stati eletti Guido Amato (Napoli) e Donatella Nieddu (Sassari).

Eletto anche il Direttivo nazionale:

Maurizio Fiorda presidente nazionale

Fabio Cellini vicepresidente nazionale

Marco Ricci segretario nazionale

Francesca Marfella direttore operativo nazionale

Francesco Ciani tesoriere nazionale

Filippo Guarnieri consigliere nazionale

Lorenzo Stagnaro consigliere nazionale

Comitato revisori dei conti

Cristina Magnocavallo Presidente dei revisori dei conti

Corrado Giunta Revisore dei conti

Emanuela Palma Revisore dei conti

Comitato di garanzia

Barbara Mangiacavalli Presidente Comitato garanzia (in quanto presidente Federazione nazionale Ordine degli infermieri)

Guido Amato Garante

Donatella Nieddu Garante

“Sono contento della rinnovata fiducia degli iscritti Cives verso di me – ha commentato Maurizio Fiorda -. Il mandato appena chiuso è stato fondamentale per il futuro di questa associazione, fondamentale come l’apporto che hanno dato tutti i consiglieri uscenti che attraverso il loro importante impegno hanno permesso alla associazione di non fermarsi”.

“Cives – ha proseguito - ha un ruolo rilevante all’interno della protezione civile, ruolo che dobbiamo continuare ad attestare con il lavoro, con l’impegno e la serietà che è propria della nostra associazione della nostra professione, perché solo dando prova delle nostre capacità, competenze e della nostra professionalità potremmo sempre di più affermarci sia come volontari che come professionisti sanitari”.

“Abbiamo in programma diverse iniziative da proporre e da effettuare – ha concluso Fiorda -: il lavoro sarà tanto e servirà per consolidare ciò che è stato fatto e porre le basi per il futuro, nuovi mezzi per la colonna mobile, nuovi programmi formativi e sempre pronti per eventuali attivazioni in aiuto alla popolazione, in collaborazione con le istituzioni, a disposizione della protezione civile”.

 

 

Stampa
Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento