FNOPI / ATTUALITÀ / L'Ordine di Torino getta le basi per le attività del 2019

L'Ordine di Torino getta le basi per le attività del 2019

L'Ordine di Torino getta le basi per le attività del 2019

27/11/2018 - Assemblea degli iscritti di Opi Torino. Il presidente Sciretti: "Pensiamo a partnership con Università, associazioni scientifiche, di malati e cittadini, forme di collaborazione con i sindacati, enti e altre professioni".

È un Ordine delle professioni infermieristiche che riparte da tante certezze, quello riunitosi in assemblea, a Torino, per la presentazione del conto consuntivo e del bilancio di previsione 2018. Nella riunione degli iscritti, convocata presso la sede di via Stellone, sono emersi chiaramente i punti fermi da cui gettare le basi per il futuro.

«Il nostro primo obiettivo - ha spiegato il neo presidente Massimiliano Sciretti - è di sostenere la crescita culturale degli iscritti e la tutela del cittadino/utente. Senza dimenticare la necessità di recepire le istanze dei professionisti e di ampliare la visione disciplinare».

L'Opi Torino si pone quindi come una istituzione "aperta", flessibile e attenta alle necessità espresse dalla numerosa comunità degli iscritti. Ma anche promotrice di dialogo e di confronto, sia all'interno della professione, che nel rapporto con le altre attività del settore sanitario. Un Ordine che, maggiormente autonomo rispetto al passato, vuole essere più vicino ai suoi iscritti:

«Puntiamo a implementare i sistemi di dialogo e di comunicazione digitale - hja aggiunto il presidente - favorire l'ingresso del professionista mediante la Consulta Opi Giovani e organizzare eventi per avvicinare all'Ordine sia gli infermieri che i cittadini». Senza dimenticare i servizi a sostegno della professione. Tra gli obiettivi c'è infatti quello di organizzare degli osservatori sul sempre più diffuso fenomeno delle aggressioni agli infermieri, sul demansionamento e sull'esercizio abusivo della professione.

E parallelamente, come Opi Torino, favorire sinergie e collaborazioni con altri soggetti. «Pensiamo a partnership - ha concluso Sciretti - con Università e associazioni scientifiche, con associazioni di malati e cittadini, forme di collaborazione con i sindacati, enti e altre professioni».

Stampa
Condividi su:
Iscriviti alla Newsletter

10^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Bologna 22 giugno 2018


Sintesi e documenti dell'evento