FNOPI / ATTUALITÀ / Migliora l'informazione on line sui tempi d'attesa

Migliora l'informazione on line sui tempi d'attesa

Migliora l'informazione on line sui tempi d'attesa

18/04/2011 - Il ministero della Salute pubblica il quarto Rapporto nazionale sull'utilizzo di internet da parte di Regioni, ospedali e Asl.

Sul sito ufficiale del ministero della Salute è stato pubblicato il quarto Rapporto nazionale sull’utilizzo di internet quale strumento di comunicazione dei dati su tempi di attesa nei siti web di Regioni, Pubbliche amministrazione e strutture del Servizio sanitario nazionale.
Ne emerge che circa il 44% dei siti istituzionali monitorati fornisce dati su tempi e liste d’attesa, con un incremento rispetto alle tre precedenti indagini svolte nel 2005, 2007 e 2009, rispettivamente del 21%, del 22% e del 10%. Viene inoltre complessivamente confermato il gradiente decrescente, rispetto alla presenza di informazioni sui tempi d’attesa, delle strutture sanitarie del Nord rispetto a quelle del Centro-Sud/Isole. Nello specifico, il 48% delle Regioni (10 su 21) riporta, nei propri siti, dati su tempi reali e/o massimi d’attesa, con un incremento del 15% rispetto ai risultati della indagine 2009; il 57% delle Asl (95 su 166) presenta dati su tempi d’attesa, con un incremento del 16% rispetto al 2009; il 47% dei siti delle Aziende ospedaliere (40 su 85) presenta dati su tempi reali e/o massimi d’attesa con un incremento dell’8% rispetto al precedente rapporto; il 21% degli Irccs (21 su 100) riporta dati su tempi reali e/o massimi d’attesa e rispetto all’indagine 2009 si è verificato un incremento pari al 8%.

L’indagine, condotta tra il 3 e il 12 novembre 2010 dall'ufficio III della Direzione generale della Programmazione sanitaria e dei livelli essenziali di assistenza e dei principi etici di sistema del ministero della Salute, ha analizzato la variabile quantitativa “presenza/assenza di dati su tempi reali e/o massimi d’attesa” ricavata dai siti delle Regioni, Pa e strutture sanitarie. L’indicatore utilizzato era rappresentato dalla proporzione “presenza di dati su tempi reali e/o massimi d’attesa” sul totale dei siti visitati. La quasi totalità dei tempi di attesa rilevati nelle pagine web delle varie Aziende sanitarie sono relativi alle prestazioni ambulatoriali. Va altresì rilevato che in nessuno dei siti delle Aziende ospedaliere vengono riportati tempi di attesa per i percorsi diagnostico-terapeutici. 

Per scaricare il Rapporto in pdf, clicca qui.

Stampa
Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento