FNOPI / ATTUALITÀ / Silvestro: "Siamo stanchi di sopportare il peso di pregiudizi di stampo vetero-moralistico"

Silvestro: "Siamo stanchi di sopportare il peso di pregiudizi di stampo vetero-moralistico"

Silvestro: "Siamo stanchi di sopportare il peso di pregiudizi di stampo vetero-moralistico"

18/06/2013 - Lettera aperta della Presidente dell'Ipasvi a tutela dell'immagine della professione infermieristica.

Gentile dottoressa Proietti,
abbiamo avuto modo di apprezzare la sua "attenzione" per i problemi relativi al soddisfacimento delle esigenze sessuali  delle persone diversamente abili, che noi infermieri  assistiamo quotidianamente, curiamo e rispettiamo.

Non ci spieghiamo, però, quale sia il passaggio logico che l’ha portata ad associare la figura della prostituta - che secondo la sua discutibile tesi sarebbe deputata a soddisfare i bisogni erotici di una persona diversamente abile - con quella della professionista infermiera. Perché proprio con l’infermiera e non con la psicoterapeuta o la sessuologa, professione a cui lei stessa appartiene?
 
Perché un’esperta come lei ricorre ai più biechi ed anacronistici stereotipi sulla figura dell’infermiera, dimostrando una eclatante disinformazione sulle competenze di chi esercita tale professione?
 
Ci siamo già rivolti ai nostri legali per contrastare l’ignoranza di alcuni giornalisti che con il solo scopo di “fare titolo” hanno diffuso a questo proposito notizie lesive dell’immagine della professione infermieristica. 
Non esiteremo a farlo ancora, stanchi di dover sopportare il peso di pregiudizi, questi sì, di stampo vetero-moralistico.
 
La Presidente
Annalisa Silvestro

 

Stampa
Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento