FNOPI / ATTUALITÀ / Stretta collaborazione tra Opi Torino ed Enpapi per combattere l'abusivismo

Stretta collaborazione tra Opi Torino ed Enpapi per combattere l'abusivismo

Stretta collaborazione tra Opi Torino ed Enpapi per combattere l'abusivismo

10/10/2018 - Rafforzare la collaborazione, creando sinergie utili anche a contrastare l'abusivismo: questo l'obiettivo dell'incontro tra il direttivo dell'Ordine degli professioni infermieristiche di Torino e i responsabili dell'Ente nazionale di Previdenza e assistenza degli infermieri.

Rafforzare la collaborazione, creando sinergie utili anche a contrastare l'abusivismo: questo l'obiettivo dell'incontro tra il direttivo dell'Ordine degli professioni infermieristiche di Torino e i responsabili dell'Ente nazionale di Previdenza e assistenza degli infermieri. Se la crescita esponenziale della Libera Professione nel campo Infermieristico ha permesso alla Cassa previdenziale Enpapi di diventare uno degli istituti privati più importanti in Italia, rimangono da sciogliere i nodi legati a chi svolge l'attività in modo irregolare.

«Un fenomeno che non è facile da contrastare perchè i colleghi spesso non segnalano questi episodi - dice Massimiliano Sciretti, presidente di Opi Torino - Collaboriamo con i carabinieri del Nas proprio per segnalare queste situazioni. Vorremmo più attenzione da parte dei colleghi e anche dei cittadini che si imbattono con presunti professionisti che si spacciano per infermieri».

La legge Lorenzin ha senza dubbio rafforzato la posizione dell'Ordine, favorendo non soltanto i professionisti ma anche gli stessi cittadini. Tra i compiti di Opi c'è infatti quello di vigilare sull'attività degli infermieri, sulla loro formazione e competenza. Con un occhio attento all'abusivismo, che nuoce inevitabilmente all’operato dei professionisti e mette a rischio la salute degli assistiti. Mario Schiavon, presidente di Enpapi, lo sa bene.

Perchè abusivismo vuol dire anche evasione e mancato versamento dei contributi previdenziali: «Il rapporto con Opi è fondamentale - spiega - e proprio la collaborazione tra queste istituzioni non può che portare buoni frutti. L'ente di previdenza ha tutto l'interesse di avere un rapporto corretto e collaborativo con tutti gli Ordini provinciali, soprattutto quelli che hanno un numero elevato di iscritti come Torino, dove c'è sempre stata un'ottima collaborazione. Intrecciare modalità di collaborazione tra Ordine e Ente previdenziale porterà vantaggi a tutti gli iscritti».

Stampa
Condividi su:
Iscriviti alla Newsletter

10^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Bologna 22 giugno 2018


Sintesi e documenti dell'evento