FNOPI / CHI SIAMO / Archivio Speciali / OMS: il contributo degli infermieri italiani alla Giornata Mondiale della Salute (2006)

OMS: il contributo degli infermieri italiani alla Giornata Mondiale della Salute (2006)

 

E’ con entusiasmo che il Comitato centrale della Federazione e il Consiglio nazionale dei Collegi Ipasvi hanno aderito alla proposta dell’Oms di partecipare come partner all’organizzazione della Giornata mondiale della Salute, che si celebrerà in tutto il mondo il 7 aprile 2006. Un invito particolarmente apprezzato perché sottolinea il valore che l’Oms attribuisce alla professione infermieristica come risorsa fondamentale per il buon funzionamento dei sistemi sanitari in tutto il mondo: nelle realtà più avanzate dell’Occidente, come nei Paesi che lottano contro la povertà, la fame e l’arretratezza più profonde.

Il ruolo degli infermieri è comunque e dovunque fondamentale per offrire la miglior assistenza sanitaria possibile a chi ne ha bisogno, per promuovere la salute e per svolgere una indispensabile attività di prevenzione e di educazione sanitaria nei confronti delle popolazioni.

Ma la carenza di personale infermieristico colpisce, anche se con percentuali diverse, la maggior parte degli Stati. Le politiche finanziarie di molti Governi, infatti, continuano a considerare l’investimento nei confronti della formazione e della valorizzazione degli operatori della sanità, e in particolare degli infermieri, come un costo da ridurre al minimo piuttosto che una risorsa. Si tratta di un’ottica miope che ha portato a gridare all’emergenza infermieristica persino in Italia, una realtà certamente non confrontabile con quella drammatica dei Paesi più poveri del mondo, ma che comunque nel passato ha scoraggiato anche i nostri giovani dallo scegliere questa professione.

La valorizzazione delle professionalità sanitarie, sottolinea oggi l’Oms in questa Giornata, è invece proprio l’elemento determinante per vincere la sfida volta ad assicurare agli abitanti della Terra il diritto di accedere ad adeguati servizi sanitari.

Gli infermieri, come hanno sempre fatto, intendono portare il loro contributo a questa battaglia di civiltà, che non ha confini: il loro messaggio è oggi rivolto a sensibilizzare ulteriormente i Governi e l’opinione pubblica, perché  la tutela della salute diventi realmente un obiettivo prioritario per tutti.

Annalisa Silvestro
Presidente della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi 

  
Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento