FNOPI / CHI SIAMO / Archivio Speciali / Siamo qui perché siamo professionisti (2006)

Siamo qui perché siamo professionisti (2006)

Siamo qui perché siamo professionisti (2006)

documenti | foto | rassegna stampa

Abbiamo deciso di scendere in piazza dodici anni dopo la grande manifestazione del 1° luglio 1994, che ha determinato l’approvazione del nostro profilo professionale. 
Il primo appuntamento è stato quello del 12 ottobre a Roma: siamo stati in piazza insieme a tante altre professioni che vogliono l’innovazione degli Ordini e la riforma del sistema professionale. 
Imponente è stata la risposta degli infermieri all’invito di sostenere il riconoscimento del loro Ordine professionale, messo in discussione dalle recenti vicende, e grande è stato l’impegno dei Collegi Ipasvi per la riuscita della manifestazione. 
Il successo è sotto gli occhi di tutti: sono stati oltre 7mila i colleghi che hanno sfilato dietro gli striscioni delle delegazioni Ipasvi di tutte le Regioni italiane.
Il nostro modo di partecipare compatto, vivace e maturo ci ha connotati verso i politici e verso le altre professioni e ha reso evidente l’unione della nostra base con la propria rappresentanza professionale.
Solo gli infermieri hanno parlato dal palco. Abbiamo detto a chiare lettere che la nostra è una presenza al di là degli schieramenti politici: siamo stati presenti perché siamo professionisti e perché vogliamo esercitare una professione regolamentata in quanto incide sulla salute dei cittadini. 
Abbiamo detto che deve essere il Governo nella sua globalità, e non solo i ministri della Salute e della Giustizia, a prendere atto che la sanità funziona grazie al contributo degli infermieri e degli altri professionisti sanitari che oggi si affiancano a quelli tradizionalmente riconosciuti.
Ci saranno delle strumentalizzazioni? Può darsi, ma abbiamo saputo parlare a chi doveva ascoltarci e a chi voleva una prova della nostra capacità di aggregazione e della nostra forza.
Abbiamo avuto la parola e l’abbiamo utilizzata per dire forte: ci siamo e ci saremo per tutelare i cittadini, per difendere la nostra professionalità, per costruire un Paese moderno al passo con l’Europa. 
Il 1° luglio del 1994 siamo scesi numerosi in piazza perché non volevamo essere più considerati “paramedici”. Lo abbiamo fatto anche questa volta e lo rifaremo ancora, se sarà necessario.

Annalisa Silvestro
Presidente Federazione nazionale Collegi Ipasvi 

 

Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento