FNOPI / CHI SIAMO / Ordini / Ordine di Rovigo / SUCCESSO PER LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’INFERMIERE

SUCCESSO PER LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’INFERMIERE

20/05/2019 11:05

SUCCESSO PER LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’INFERMIERE
ORGANIZZATA DALL’ORDINE PROVINCIALE NEI CENTRI COMMERCIALI
“La sanità senza infermieri non funziona
Il Presidente Marco Contro:
“Gli infermieri meritano uno stipendio adeguato””

ROVIGO – In occasione della Giornata Internazionale dell’Infermiere, ricorrenza che ogni anno nel mese di maggio celebra la professione infermieristica, il Direttivo dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Rovigo, ha incontrato nei giorni scorsi la cittadinanza nei centri commerciali “La Fattoria” di Rovigo e “Il Porto” di Adria.
“È stata una bellissima esperienza – spiegano i responsabili dell’OPI di Rovigo – sia fra noi colleghi sia con le tantissime persone che abbiamo avuto la fortuna di incontrare e conoscere a Rovigo e Adria. Proprio con la cittadinanza abbiamo condiviso lo slogan proposto dalla nostra Federazione nazionale, ovvero che la sanità senza infermieri non funziona”.
La Giornata dell’Infermiere, oltre a celebrare l’importante e fondamentale ruolo infermieristico nel sistema salute, è stata l’occasione adatta per fare qualche riflessione.
“La retribuzione dell’infermiere – spiega il presidente provinciale degli Infermieri, Marco Contro – risulta tra le più basse in Europa. Secondo i dati OSCE, infatti, in Italia, un infermiere guadagna, in media, circa 30mila euro l’anno lordi all’interno dei quali deve ricomprendere la quota annua dell’assicurazione obbligatoria per la responsabilità professionale, che, per legge, deve sostenere con oneri a proprio carico, mentre i colleghi percepiscono, rispettivamente, circa 34mila in Francia, 35mila in Spagna, 41mila in Germania, 50mila in Irlanda, 53mila in Belgio e Paesi Bassi, 83mila in Lussemburgo”.
“È evidente – conclude il presidente dell’OPI di Rovigo – che, a fronte della responsabilità che incombe sull’infermiere, portatore di una specifica posizione di garanzia nei confronti della salute e dell’incolumità del proprio assistito, lo stipendio è ben lungi dall’essere adeguato alla qualità del lavoro svolto, come vorrebbe la nostra Costituzione. Gli infermieri italiani, nel pubblico quanto nel privato, chiedono con forza il pieno riconoscimento della dignità professionale sotto ogni aspetto, compreso un rinnovo contrattuale, degno di questo nome”.
 



Torna all'Ordine di Rovigo

Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento