FNOPI / Formazione e Ricerca / Rivista L'Infermiere / Rivista L'Infermiere N°4 - 2012 / Annalisa Silvestro: Una parola può fare la differenza! - Rivista l'Infermiere N°4
ULTIM'ORA

Annalisa Silvestro: Una parola può fare la differenza!



La Presidente della Federazione Ipasvi commenta "a caldo" la nuova versione del Decreto Balduzzi

“Bene” commenta la Presidente Silvestro nel leggere la nuova stesura dell’articolo 1 del Decreto “Balduzzi”.
Viene apprezzata l’indicazione esplicita degli infermieri tra le professioni coinvolte nel riordino dell'assistenza primaria e il fatto che il Ministro della salute ha mantenuto la promessa fatta nell'incontro avuto nei giorni scorsi con la Presidente della FNC Ipasvi.
“Si tratta di un primo passo per rendere visibile la figura dell’infermiere; un passo di cui apprezziamo il valore. Ora il riordino dell’assistenza primaria, delineata nell’articolo1 del decreto, dovrà passare alla fase applicativa: verranno definite le modalità e i modelli organizzativi di riferimento. In tale fase - che vedrà il coinvolgimento delle Regioni - la Federazione e i Coordinamenti regionali Ipasvi dovranno impegnarsi in un’attenta e vigile collaborazione, basata sulla esigenza di valorizzare il rilevante apporto e contributo che gli infermieri garantiscono all’assistenza primaria.”

Non c’è però solo il Decreto Balduzzi.

“Ci preoccupa molto – continua Silvestro - la prospettiva dei nuovi tagli alla sanità introdotta con la legge di stabilità. Un ulteriore taglio manderebbe il sistema ancora più in affanno e, alla lunga potrebbe mettere in discussione la sopravvivenza del SSN. Abbiamo e garantiamo un'assistenza di buon livello anche grazie all'impegno di tutto il personale sanitario e in primo luogo degli infermieri, ma esiste un limite che non può essere valicato”.

Non viene inoltre sottovalutata la criticità di impatto che potrebbe conseguire agli interventi sulla mobilità del personale e sulla L. 104; disagi forti per una logistica impegnativa sulla quotidianità di vita e difficoltà ancora più marcate, anche economicamente, per l’assistenza a figure parentali portatrici di handicap diverse da coniuge e figli.

“Oggi il nostro impegno è quello di continuare a proporre in tutte le sedi competenti le esigenze della professione, che coincidono con l’interesse dei nostri assistiti”, conclude Silvestro.

Roma, 11 ottobre 2012

Stampa
Condividi su: