FNOPI / Formazione e Ricerca / Rivista L'Infermiere / Rivista L'Infermiere N°1 - 2016 / La simulazione nell'infermieristica. Metodologie, tecniche e strategie per la didattica - Rivista l'Infermiere N°1
SCAFFALE

La simulazione nell'infermieristica. Metodologie, tecniche e strategie per la didattica



Anna Sponton, Antonio Iadeluca
CEA Casa Editrice Ambrosiana, 2014
pagine 168, euro 26,00

La simulazione nell'infermieristica. Metodologie, tecniche e strategie per la didatticaNegli ultimi anni la simulazione in ambito clinico ha assunto un’importanza crescente nel processo formativo in infermieristica, quanto nella formazione di tutti professionisti della salute. I cambiamenti negli scenari sanitari, sempre più complessi e prodotti in tempi brevi, si sono accompagnati ad un notevole incremento delle conoscenze relative al processo di professionalizzazione dell’infermiere e all’uso di tecnologie nella formazione adulta. In questo ambito ha trovato notevole spazio la ricerca circa l’efficacia della simulazione nel creare competenze stabili e in linea con il profilo professionale dell’infermiere.

In effetti, le evidenze disponibili in letteratura in merito ai processi formativi supportati da tecnologie sono in continua crescita, ma non sempre offrono prospettive univoche e fruibili in tutti i contesti educativi, proprio perché dipendenti dal tipo di tecnologia e di strategia didattica utilizzata, a scapito della possibilità di confronto. A questo si devono aggiungere le differenti modalità di misurazione degli esiti educativi, che rendono necessaria altra ricerca e condivisione delle metodologie più efficaci nella formazione delle professioni sanitarie.

E’ doveroso precisare che con il termine “tecnologia”, in questo caso, si intende solo indicare quei dispositivi computerizzati che consentono la simulazione di situazioni cliniche in ambito sanitario, ovvero gli “Human Fidelity Patient Simulator”, manichini che offrono elevati livelli di verosomiglianza al paziente ed in grado di riprodurre quadri clinici fisiologici e patologici utili nella formazione dei professionisti della salute, senza ricorrere all’utilizzo di attori in carne ed ossa (Sample patient).

Infatti, oltre ai comuni manichini meccanici (detti “simulatori a bassa fedeltà”), ampiamente diffusi e utilizzati per le esercitazioni nell’acquisizione di abilità tecniche o algoritmi standardizzati di comportamento, oggi sono disponibili manichini computerizzati (simulatori ad alta fedeltà), in grado di fornire in tempo reale parametri fisiologici, patologici e farmacologici in differenti contesti clinici. Aziende leader nel settore della simulazione in ambito sanitario hanno infatti sviluppato manichini tecnologicamente evoluti (High Fidelity Patient Simulator), che consentono la simulazione di scenari clinici - da semplici a molto complessi, grazie ai quali i discenti esercitano abilità tecniche, ragionamento clinico, pensiero critico, presa di decisione ed abilità nell’interazione di équipe. In effetti i simulatori di ultima generazione offrono infinite possibilità di simulazione clinica, ma soprattutto offrono l’opportunità di effettuare simulazioni in équipe multiprofessionali e di agire in un ambiente sicuro per il paziente e per l’operatore stesso, che apprende come gestire la situazione clinica quanto le emozioni che colorano l’esperienza sul campo.

Il testo proposto da Sponton e Iadeluca parte da questo articolato quadro, offrendo l’esperienza e la competenza di un gruppo di formatori del corso di Laurea in Infermieristica dell’Università degli Studi di Milano, sezione didattica A.O. Salvini di Garbagnate Milanese. Il loro contributo rappresenta per tutti i formatori impegnati nella formazione base, quanto nell’educazione continua, un punto di partenza per la condivisione dell’utilizzo della simulazione ad alta fedeltà in infermieristica, in un momento in cui è indispensabile la discussione circa l’efficacia didattica a lungo termine di tale strategia.

A rendere ulteriormente interessante l’ambito affrontato da Sponton e Iadeluca, vi è la necessità di confronto circa le modalità con cui il Core Curriculum di infermieristica deve essere declinato nel tirocinio, nella didattica frontale e nelle attività di complemento ed il testo offre numerose opportunità di riflessione in merito.

Gli autori propongono la simulazione ad alta fedeltà come metodo didattico formativo che supporta e integra l’apprendimento degli studenti di Infermieristica con il tirocinio e con la didattica formale, senza sovrapporsi o sostituirsi ad essi. Tale aspetto assume una rilevanza notevole nella formazione dei giovani infermieri, poiché non sempre è chiaro come superare i limiti del tirocinio clinico e del laboratorio tradizionale, mentre gli autori ci offrono un approccio sicuramente da considerare nella formazione universitaria e da ripensare nella formazione continua.

Il testo, suddiviso in 8 parti, fornisce in apertura un quadro teorico di riferimento partendo dalla storia della simulazione in infermieristica, fino alla discussione dei fattori che influenzano l’utilizzo della simulazione alla luce dell’attuale formazione infermieristica in Italia.

Il secondo e terzo capitolo discutono la natura e gli obiettivi della simulazione ad alta fedeltà in infermieristica, nonché vantaggi e svantaggi del suo utilizzo, in Italia e nel panorama internazionale. Sponton attribuisce alla simulazione la potenzialità di ricreare un contesto di lavoro verosimile e “(…) credibile attraverso l’immedesimazione dei soggetti coinvolti in scenari costruiti con quella logica e senso che tengono in considerazione le emozioni che animano il lavoro e che contemplano anche l’interazione comunicativa tra i membri di un’équipe” (pag. 11). L’autrice fa quindi riferimento all’apprendimento esperienziale e riflessivo, facendo capo alle teorie dell’apprendimento secondo Kolb, per descrivere i principi teorici della didattica su cui la simulazione si basa.

Il quarto capitolo permette di esplorare limiti e potenzialità del laboratorio professionale in tutte le sue forme ed evidenzia come durante le sessioni di simulazione ad alta fedeltà possa essere messo in atto un processo di apprendimento riflessivo (proprio delle esperienze di apprendimento in laboratorio attivo e sul campo).

La progettazione degli scenari di simulazione è l’argomento del quinto capitolo, dove è possibile ritrovare un’interessante sintesi delle riflessioni ottenute tramite focus group da parte degli studenti del corso di Laurea di Garbagnate Milanese, circa limiti e opportunità dell’esperienza di apprendimento in laboratorio e in tirocinio. Gli studenti evidenziano come la simulazione ad alta fedeltà possa in parte compensare le (mancate) opportunità di conoscenza e comprensione del contesto clinico, acquisizione di abilità comunicative, ragionamento clinico ed autoapprendimento che in laboratorio e in tirocinio non sempre è possibile garantire in maniera uniforme e diffusa a tutti gli studenti. Tale testimonianza avvalora il ruolo della simulazione quale momento di apprendimento che integra e non si sovrappone all’apprendimento offerto da altri dispositivi formativi (lezioni teoriche, tirocinio pratico, laboratorio).

Il capitolo offre inoltre dei validi e riproducibili progetti di scenari per l’infermieristica, che consentono di riflettere sulle potenzialità della simulazione ad alta fedeltà in tutti gli ambiti e livelli della formazione base e continua. I progetti pubblicati nel testo consentono ai docenti di constatare come la simulazione ad alta fedeltà non consenta solo di progettare scenari con una logica di tipo “reattivo” in risposta ad eventi definiti e precipitanti (es. emergenze), ma anche scenari di tipo “proattivo” o anticipatorio, dove le condizioni dei pazienti non sono francamente deteriorate, ma richiedono abilità di osservazione e pensiero critico (situazioni di rischio e possibilità di ragionamento e pianificazione a breve, medio e lungo termine), nonché abilità gestuali semplici e complesse.

Gli autori offrono nel testo anche la descrizione pratica dell’inserimento dello scenario nel software utilizzato presso il corso di Laurea. La tecnologia utilizzata dagli autori è fornita da una azienda leader nel settore, che vanta ricerca d’avanguardia e collaborazioni con aziende sanitarie e università nella progettazione di tecnologie per l’apprendimento in ambito sanitario. Pertanto, accanto alla discussione del rapporto costo/efficacia riportata nel secondo capitolo, i docenti/lettori potranno anche prefigurarsi il livello di impegno (accettabile!) richiesto nella preparazione degli scenari. Tale contributo rende il testo di Sponton e Iadeluca insostituibile per chi si vuole avvicinare alle tecniche di simulazione ad alta fedeltà.

I due capitoli successivi (sesto e settimo) guidano il lettore in una esaustiva ed esperta descrizione della preparazione, allestimento, conduzione dello scenario progettato. Ricchezza di particolari e di immagini rendono perfettamente comprensibile la fase pratica.

Particolarmente rilevante, per chi si confronta con il ruolo di docente in infermieristica, è l’ottavo e ultimo capitolo, dove Sponton guida il lettore nella complessità della valutazione della performance ottenuta dallo studente nella simulazione. La questione della valutazione fa parte del dibattito aperto circa la simulazione in infermieristica, poiché la ricerca offre poche evidenze in merito a quale approccio utilizzare in termini di validità e affidabilità. La valutazione, infatti, dovrebbe mirare “alla misurazione delle conoscenze trasformate in comportamenti e abilità attese, insieme alle capacità trasversali quali responsabilità, autonomia, iniziativa, capacità di motivare scientificamente gli interventi messi in atto” (pag. 142) ed è comprensibile, quindi, l’importanza di una corretta scelta degli approcci e degli strumenti. L’autrice, in questo capitolo, descrive il processo di valutazione dal punto di vista teorico e propone l’approccio utilizzato nell’esperienza presso il corso di Laurea, descrivendo gli aspetti docimologici e gli strumenti implementati, lasciando aperta una porta alla discussione ed invitando il lettore a ragionare su possibili proposte di miglioramento.

Il testo, infine, fornisce i codici di accesso per la visualizzazione on-line di utilissimi video prodotti dagli stessi autori e dai loro studenti durante le sessioni di simulazione ad alta fedeltà descritte nei capitoli.

“La simulazione nell’infermieristica” è un contributo prezioso, poiché è il primo supporto in lingua italiana a fornire ai docenti interessati alla simulazione ad alta fedeltà un’esperienza ricca e condivisa, un invito ad accettare diffusamente la sfida al miglioramento della didattica dell’infermieristica nel contesto moderno. Come non cogliere questo invito?
 

Barbara Suardi
Coordinatore della Didattica Professionale
Corso di Laurea in Infermieristica – Sede di Novara
Università del Piemonte Orientale

Stampa
Condividi su: