FNOPI / ATTUALITÀ / Operatori sanitari, i rischi per la salute in ospedale. Biosafety Summit a Roma

Operatori sanitari, i rischi per la salute in ospedale. Biosafety Summit a Roma

Operatori sanitari, i rischi per la salute in ospedale. Biosafety Summit a Roma

29/10/2019 - Fotografia dello European Biosafety Summit a Roma: i professionisti che si occupano del settore salute (di cui 7,3 milioni di infermieri) sono potenzialmente esposti a farmaci pericolosi.

Sono 12,7 milioni i professionisti che si occupano del settore salute (di cui 7,3 milioni di infermieri), che ogni anno, in Europa, sono potenzialmente esposti a farmaci pericolosi cancerogeni, mutageni e teratogeni.Secondo i dati della Commissione Europea, relativi al 2012, fino a 106.500 morti per tumori sono stati attribuiti all`esposizione professionale a sostanze cancerogene. Alcuni studi dimostrano che gli operatori sanitari che maneggiano farmaci citotossici, che vengono utilizzati principalmente come terapia chemioterapica per curare il cancro, hanno una probabilità tre volte maggiore di sviluppare patologie maligne. Tra la popolazione femminile, le infermiere esposte a farmaci citotossici hanno il doppio delle probabilità di incorrere in un aborto.

Si stima che in Europa ogni anno l`esposizione professionale a farmaci pericolosi produca migliaia di nuovi casi di leucemia, il che si traduce in un aumento di decessi di operatori sanitari ogni anno. Tutto questo è l`oggetto, oggi, di un incontro allo European Biosafety Summit sulla "Prevenzione dell`esposizione professionale a farmaci pericolosi, compresi i farmaci citotossici", che si tiene al ministero della Salute.

Il Summit si focalizza sui recenti emendamenti approvati nel giugno 2019 relativi alla direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni, che per la prima volta vede riconosciuto questo problema a livello europeo e che impone alla Commissione Europea di presentare una relazione entro giugno 2020 su una sua possibile risoluzione, attraverso una proposta legislativa.

Per la FNOPI, ha partecipato ai lavori la vicepresidente nazionale, Ausilia Pulimeno. 

La European Biosafety Network e i firmatari del documento finale hanno fatto appello alla Commissione europea affinché accolga o includa nella propria relazione le modifiche del Parlamento ai fini di una revisione della Direttiva CMD nel 2020 che porti a contemplare gli agenti pericolosi, compresi gli agenti citotossici, preferibilmente come categoria nell'Appendice I. Gli operatori sanitari meritano di essere tutelati dalla legge adesso, e non in un momento indefinito del futuro, con i sistemi di lavoro, la formazione e le tecnologie migliori possibile allo scopo di evitare i rischi di danni tossici e genetici e le patologie mortali derivanti dall'esposizione ad agenti pericolosi.

Sandra Zampa, Sottosegretario presso il Ministero della Salute italiano, ha dichiarato: "Questa è una questione vitale e esamineremo con molta attenzione ciò che viene discusso e ciò che può essere fatto per garantire una maggiore sicurezza"

Il vertice europeo sulla biosicurezza ha messo in evidenza i recenti emendamenti approvati nel giugno 2019 alla direttiva sugli agenti cancerogeni e sui mutageni che per la prima volta ha riconosciuto il problema delle droghe pericolose nel diritto europeo e impone alla Commissione di presentare una relazione entro giugno 2020 su come propongono di risolvere il problema con una proposta legislativa. La rete europea di biosicurezza e un certo numero di associazioni professionali in Italia e in tutta Europa, hanno invitato la Commissione europea a includere un elenco di farmaci pericolosi, compresi i farmaci citotossici, come categoria nell'appendice I della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni nel 2020. Sanità lavoratori e pazienti meritano di essere protetti dalla legislazione ora, non in un momento indeterminato in futuro, con i migliori sistemi possibili di lavoro, tecnologia, istruzione e formazione per evitare il rischio di danni tossici e genetici e malattie mortali derivanti dall'esposizione a droghe pericolose.

Il vertice ha esaminato la situazione attuale in Italia per quanto riguarda l'esposizione professionale alle droghe pericolose e l'esempio della Spagna in cui tutte le parti interessate si sono riunite con il governo per produrre linee guida sulle migliori pratiche, istruzione e formazione e sistemi chiusi con un elenco di droghe pericolose e ha approvato una legislazione a livello regionale e potenzialmente nazionale. Il vertice ha concluso che è necessario aumentare la consapevolezza del pericolo di esposizione a farmaci pericolosi e prevenire l'esposizione mediante l'uso obbligatorio di sistemi tecnologici chiusi, compresi i dispositivi di trasferimento di sistemi chiusi, nella legislazione italiana ed europea e linee guida per proteggere i lavoratori durante la preparazione , somministrazione e smaltimento di farmaci pericolosi in Italia.

La rete europea di biosicurezza è stata istituita nel 2010 come rete di istituzioni professionali nazionali ed europee, associazioni rappresentative, sindacati e altre organizzazioni interessate impegnate a migliorare la salute e la sicurezza degli operatori sanitari e dei pazienti.


Sion Simon, fino a poco tempo fa un parlamentare europeo e un ex sottosegretario al governo britannico hanno osservato che in 30 anni di lavoro in politica e nella formulazione di politiche, questo problema era uno dei più urgenti che avesse incontrato - ha sottolineato che le prove sono ora chiare di un legame tra esposizione professionale prolungata e gravi condizioni di salute, ed è giunto il momento che i lavoratori siano adeguatamente protetti.


Ian Lindsley, il segretario della Rete europea sulla biosicurezza, ha fatto eco a questo punto e ha preso atto dell'ampio consenso tra le parti sociali e le parti interessate sulla necessità di agire e ha accolto con favore i passi che la Commissione europea aveva già intrapreso e il loro impegno a proseguire questo lavoro.


Zinta Podniece della Commissione europea ha convenuto che l'operatore sanitario merita un'adeguata protezione e sta osservando attentamente i passi necessari per conseguire tale obiettivo: non si tratta solo di una questione di legislazione o politica, ma anche di educazione e aderenza a pratiche adeguate.
 

Stampa
Condividi su:

11^ Conferenza Nazionale
delle Politiche
della Professione Infermieristica
Firenze 31 maggio 2019


Sintesi e documenti dell'evento